Camaldoli, il Monastero e l'eremo

martedì, febbraio 10, 2009


Da Poppi si può lasciare la statale per la Consuma e salire a Camaldoli, piccolo centro montano del Casentino dominato dal Falterona, posto a metri 816 al centro di una suggestiva foresta di abeti e latifoglie, sede do un antico e famoso Monastero fondato sa San Romualdo, probabilmente dopo il 1012, come sede dell'ordine monastico che prese appunto il nome di Camaldolesi. Il terreno dove sorsero le prime celle fu donato a Romualdo dal Conte aretino Maldolo, da cui venne il nome Campus Maldoli.

Il Monastero divenuto centro di emanazione culturale e religiosa malgrado varie vicissitudini (incendi, saccheggi ecc.) fu progressivamente ingrandito con varie costruzioni . Ha forma irregolare e consta di 3 parti: monastero, chiesa e foresteria.

La chiesa barocca (sec. XVIII) fu decorata da Vasari e racchiude un chiosco cinquecentesco, l'antica foresteria risale al sec. XI ed ha un bel portico ed un piccolo chiostro rinascimentale; del monastero ricordiamo il refettorio secentesco in cui spicca un grande dipinto del Pomarancio.

Presso l'antica farmacia del convento si possono acquistare prodotti dei monaci, come liquori, erbe ecc.

Camaldoli è anche meta di villeggiatura estiva.

A km 2,5 del monastero si trova l'eremo di Camaldoli 8metri 1104 s.l.m.) primitiva sede dell'Ordine Camaldolese, fondata da Romualdo nel 1012: è costituito di 20 celle per gli eremiti risalenti al sec.. XI-XVII e dalla chiesa con facciata settecentesca, e da due torri campanarie.

Nell'interno, fastosamente barocco, ricordiamo gli stalli quattrocenteschi e, ai lati dell'altare, due tabernacoli marmorei di G. da Settignano

A CAMALDOLI il silenzio raggiunge una dimensione concreta, come se si potesse toccare. Siamo nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi (che si estende tra le province di Firenze, Arezzo, Forlì e Cesena), dove basta spegnere il motore e scendere dall'auto per ascoltare le voci e i rumori di quel silenzio. Il primo suono arriva dal torrente Camaldoli, quasi invisibile nella sua forra chiusa dalla vegetazione, che corre fino a confluire nell'Arno.


You Might Also Like

0 scarabocchi

Grazie della visita e del tuo commento...♥♥♥
è un piacere leggervi!
Sorrisone!
:)

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Circa Grafic Scribbles








modificare foto

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog

Mr.Webmaster


Motori ricerca

SEO


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

siti
sito internetBlog d'argento



Ebuzzing - Top dei blog - Blog creativi


Visite

eXTReMe Tracker

Views

© 2011 - 2016 Grafic Scribbles, AllRightsReserved.. Powered by Blogger.

on line